Biografia

Maria Antonietta Terrana è nata nel 1957 a Termini Imerese, in provincia di Palermo. La sua passione per l’arte accompagna da sempre la vita dell’artista, oggi artista di rilievo. Da giovane avrebbe voluto frequentare l’Istituto d’Arte, ma i suoi genitori preferirono per lei un percorso di studio più umanistico che prettamente artistico. Durante gli anni giovanili, tra un disegno e l’altro, ha recitato in diversi teatri, facendo parte di una compagnia teatrale amatoriale “EURAKO”, trovando così un differente canale per esprimere la sua vena artistica.

Per Maria Antonietta Terrana l’arte è stata una fonte di salvezza. Infatti, è grazie ai pennelli e ai colori che l’artista riesce a superare un momento depressivo causato dalla sua terza gravidanza. Dipingeva la notte, nascondendo le sue opere per il timore del giudizio dei suoi familiari. Un giorno una sua amica, scovando dietro ad un mobile numerose tele, complimentandosi dei suoi lavori, la incitò a mostrarle anziché nasconderle; e così realizzò la sua prima personale. Da allora riscuote notevoli consensi, sia da parte del pubblico che dalla critica. Ha partecipato a mostre e rassegne nazionali ed internazionali, vincendo diversi premi. Le sue opere, oltre ad essere state più volte pubblicate in cataloghi e riviste di arte contemporanea, figurano anche in raccolte private.

L’artista termitana ha contribuito a divulgare lo stile mediterraneo e la sicilianità trasformando in arte figure di uomini e donne, fiori, vicoli e case. Con i suoi colori brillanti crea opere trasportando sulle tele le tradizioni della gente; esprime sentimenti ed emozioni suscitando, in chi le osserva, serenità e benessere. È attenta ai dettagli descrittivi, a volte un po’ ironici.

Maria Antonietta Terrana codifica l’aspetto pittorico, in una rilevante quanto ingenua semplicità, una pura arte mascherata da contorni, quasi da associare alla collaudata fumettistica.

 

Attraverso il suo stile, non fa altro che confermare l’innocenza di un mondo iconografico, quello suo, vero, reale linguaggio dell’anima.